Racconto moderno in stupidario boldriniano

boldrini 3

Racconto moderno :

L’assessora entrò nella stanza e vide subito l’autisto che dialogava col geometro.

Gli disse immediatamente : “Giovanni mi devi ancompagnare in quel locale vicino al porto perchè ho un appuntamento con la Sindaca.”

“Ma dove? alla Milonga?” rispose lui.

“Si bravo”.

“Ma Assessora, è femminile, si chiama locala”.

“Ah giusto Giovanni,scusa ma ero sovrapensiero.”

“non si preoccupi ,la porto subito ,pensi che stasera suona un musicisto conosciuto”

“ah bene” ,rispose lei “allora andiamo a prendere anche l’architetta Baldi che viene con noi”

“certo, viene anche di passaggio, di cosa si parlerà stasera? “

“beh ho pensato che noi qui siamo ad Albenga giusto? “

“certo assessora” rispose lui,

“Bene allora essendo un nome femminile , mi pare giusto che d’ora in poi lo si denomini Comuna e Municipia , che ne pensi ?”

Lo sguardo dell’autisto si fece intelligente e illuminato, “ma…non ci avevo pensato, complimenti assessora”

Dopo pochi minuti , passati a prendere l’architetta Baldi, l’intero gruppo entro’ nella locala Milonga , proprio mentre il pianisto e il contrabassisto salivano sul palco , il batteristo cominciò un giro di swing e il gruppo ,ordinati dei coctail , iniziò la discussione su come migliorare l’Italia.

Art. Pepito Sbazzeguti

La risposta dell’Imam all’occidente

La disperata reazione dell’Imam ha lasciato tutti di stucco

 

 


art. Pepito Sbezzeguti

Buonisti : chi sono in Italia ?

buonismo2-544x350

Buonisti all’italiana : chi sono veramente?

M’è spesso capitato , nei miei giri sulle varie opinioni, di leggere quà e là notizie forzate e verità nascoste ad opera di un imperante buonismo che oggi viene “siringato” alla massa cieca che ormai , carica e abboccante di notizie false e fuorvianti , oramai vaga in una sorta di “limbo informativo” ,complice la morte dei giornali cartacei e di un web impazzito che genera mostri. Nel secolo delle “scie chimiche” del  “vegan è bello” e di quelli che curano il cancro denigrano i vaccini o fanno diete micidiali seguendo il primo santone che pubblica su youTube qualsiasi nefandezza possibile non c’è da meravigliarsi se l’europa e l’Italia vengano travolte da una situazione che ,senza voler essere dei novelli Nostradamus , prima o poi sfocerà in tragedia.

Innanzitutto c’è da spiegare ,a molti di quelli che ancora credono alla storiella dei “rifugiati da guerre” che in verità l’Italia è stata essenzialmente invasa da popoli provenienti da Nigeria, Mali , Gambia , Pakistan , Senegal , Bangladesh, cioè nazioni dove non c’è nessuna guerra nè tragedia di sorta , per altro, i Nigeriani arrivati sin qui sono musulmani (e non certo profughi da Boko Haram) in cerca di fortune economiche.

Dunque i veri rifugiati , in questa enorme massa di gente , sono quelli provenienti da Somalia (812) Siria (505) e Eritrea (480) cioè un numero diabolicamente basso in confronto alla tambureggiante propaganda mediatica.

Da un sondaggio di questi giorni prodotto dall’ACNIM , l’azienda italiana tra le piu potenti  e organizzate del settore, traspare che , lo spaccato del “buonismo” in Italia ,non coinvolge esclusivamente elettori del “PD” ma da tante risposte su quello che sono le ultime notizie che questi giorni fanno discutere.

Infatti è altissima la rappresentanza di impiegati statali (oltre il 70%) in cui la massa maggiore la fanno gli insegnanti e gli addetti alla educazione in genere (e non ci stupiscano presidi che vietano crocifissi e presepi) in questa massa eterogenea , composta da molti ex DC , v’è una vasta rappresentanza di disoccupati o occupati saltuari , (oltre il 15%) il piu delle volte dei “creativi” con lavori “artistici” tipo scultori o fotografi ma anche musicisti o totali disoccupati impegnati politicamente. Anche le casalinghe occupano una certa fetta della torta (il 10%) mentre il restanto e misero 5% è riservato ai liberi professionisti ,con un “ma” , infatti la maggior parte di costoro hanno in qualche modo a che fare col “problema” e infatti sono: giornalisti , facenti parte alla programmazione radiofonica-televisiva , imprenditori nel campo dell’accoglienza e ristorazione , soci di coop (specialmente legate a certa sinistra) e una piccola massa inferiore all’1% che pensa liberamente.

Dunque miei cari quattro lettori di cosa lamentarsi ? L’Italia non sarà mai come la Francia della Le Pen , il libero pensiero qui è legato al clientelismo e ai vari feudi che certa sinistra ha coltivato negli anni , una falsa sinistra che nulla ha a che fare col grande PCI ma è solo una DC mascherata , o se volete un lupo mascherato da pecora.

(art. Pepito Sbezzeguti )

Dijana Pavlovic: fermiamo Topolino,rivista razzista!

topolino e gli zingariAppoggiamo la lotta della compagna Pavlovic a favore della integrazione di Sinti e Rom .

Eliminiamo le brutali vestigia del passato carico di intolleranza apriamo le porte ai fratelli Rom.

Invitiamo tutti i compagni a boicottare queste letture che hanno il potere di instillare odio e  intolleranza , per l’occasione è indetta manifestazione nel campo Rom di Roma ( zona da decidere) con cui ci si ritrovera’ in una grande festa con musiche cibo e cultura del loro paese. Partecipiamo in massa!

Campo-NomadiA lato la foto del campo prescelto, si invitano i partecipanti a parcheggiare lontano non portare oggetti preziosi o beni di alcun tipo per evitare speculazioni politiche in caso di smarrimenti o atti di vandalismo.

(art. Polenghi Lombardo)

INFORMATICO DENUNCIATO DA CLIENTE ANTIRAZZISTA

memoria ROMA Roma finalmente si aggiunge un altro tassello alla lotta contro il razzismo fascista. Un informatico è stato sorpreso dal cliente, uno stimato rappresentante del PD locale, a insultare pesantemente la ROM del suo pc che si era appena bloccato. Ha commentato : “brutta ROM di merda” , cosi dice il compagno Palmiro (nome di fantasia),ed è intollerabile al giorno d’oggi strumentalizzare nomi di etnie che soffrono , con insulti che possono provocare sentimenti di odio . Blocchiamo sul nascere questi razzisti per evitare fanatismi , lottiamo per un’Italia migliore assieme ai nostri fratelli ROM.

(art. Pepito Sbezzeguti)

Powered by WordPress | Designed by Wordpress Themes | Thanks to R4i and R4